Dove la Storia diviene Futuro

Dove la Storia diviene Futuro

ovvero del Gemellaggio fra due Giganti: l’Eton CCF e la Scuola Militare ‘Nunziatella’.

Giovedì 26 Maggio, presso il prestigioso Eton College, si è tenuto il tradizionale ‘saggio’ della ‘Combined Cadet Force’ che gli inglesi chiamano Tattoo: dalla presentazione dei propri ‘Colori’ all’esibizione della banda con tanto di cornamuse ed allievi il kilt, fino a una vera e propria piccola battaglia con azione di guerra e gran finale con fuochi d’artificio.

Cornamuse

Cadetti etoniani dell’unità scozzese “cornamuse”.

Eton, per chi non lo sapesse, è la più prestigiosa scuola inglese istituita nel 1440 dal Re Enrico VI d’Inghilterra come collegio per i ragazzi poveri ma dotati e, pur essendo oggi privata oltre che alquanto elitaria, ha una parte militare che venne istituita nel 1860 (noi c’eravamo già da 80 anni direbbe Siminarion). La Combined Cadet Force fu originariamente istituita come corpo di fucilieri per scopi militari e non meramente ‘didattici’ e fu la prima Forza militare in seno a una scuola a essere mantenuta con continuità.

Perché tutte queste nozioni? Perché rileggendo la storia della Nunziatella da un lato, e di Eton dall’altro non si può non pensare a un ‘match made in heaven’ (“un accoppiamento perfetto”): entrambe sono le più antiche istituzioni nel loro genere; volute entrambe da Re illuminati, (anche se entrambi dalla vita politica assai travagliata), entrambe risiedono nello stesso edificio dove nacquero; entrambe hanno tra i loro ex allievi alcune delle figure più rilevanti della storia dei rispettivi paesi.

AllieviAEton

Da sx gli Allievi Del Piano, Colapietro, Liguori, Della Corte, Brancato.

Ma veniamo al Tattoo: che non ha nulla a che fare ovviamente col tatuaggio, esso deriva dall’usanza che le truppe inglesi e scozzesi di stanza nei paesi bassi nel XVII secolo avevano per far rientrare le proprie guarnigioni in tempo per il contrappello: alle 21:30 i tamburini dei reggimenti in libera uscita iniziavano a marciare per la cittá suonando per segnare il “doe den tap toe” ovvero ‘chiudete la spina’ (della birra…): era l’ultima bevuta prima del rientro che doveva avvenire entro le 22:00. Soprattutto nel XIX secolo i Tattoo sono divenuti dei veri e propri saggi musical militari in tutto il mondo anglo-americano: quello più famoso è il Royal Tattoo di Edimburgo, che è un vero e proprio show e attrae decine di migliaia di spettatori ogni anno.

E un un grande show è stato il Tattoo di Eton, che tradizionalmente si tiene la sera prima della festa del 4 di Giugno, che è il compleanno del Re George III, altro monarca folle come pure pare lo sventurato Henry VI, e che vivendo quasi stabilmente nell’immenso Castello di Windsor, che domina Eton, si intratteneva spesso e volentieri con gli alunni e favorì molto lo sviluppo dell’Istituzione. Gli etoniani festeggiano tale giorno, che come la maggior parte delle feste inglesi non cade quasi mai il giorno in cui dovrebbe ma il venerdì precedente la ricorrenza, con regate, commemorazioni, e appunto col Tattoo che si tiene la sera della vigilia.

Adesso che sapete di cosa stiamo parlando cercherò di condurvi con me attraverso il ricordo di una meravigliosa sera british di quasi estate: dopo comode 5 ore di macchina dal North Wales fin alle porte ovest di Londra, sulle trafficatissime autostrade inglesi e durante le quali mi tengono compagnia i continui messaggini su ‘Uozzapp’ dei tanti ex ‘esteri’ molti dei quali in fermento pre-evento, giungo nel centro di Windsor. Da lontano si scorge l’immenso Maschio del Castello di Windsor: è una visione disneyana, col cielo terso e le nuvole bianche sul cielo azzurro che incorniciano le mura di pietra matta del castello.

Arrivo in Hotel e non faccio nemmeno in tempo a fermare l’auto che vedo Norante Francesco (Nunziatella 1984-1987 Inghilterra-St. Nicholas at Wade-Kent) che sta lì da due ore come un cane abbandonato e mi accoglie facendomi un sacco di feste. Dopo mi spiegherá che è da quando è arrivato che gira e non ha visto nemmeno una ragazza carina ed effettivamente si stava annoiando… ci raggiungono sul ponticello che congiunge Eton a Windsor Stingo Vittorio (Nunziatella 1991-1994 Stati Uniti-Virginia Beach) e Chiarato Riccardo (Nunziatella 1996-1999 Inghilterra-Londra), così ci sediamo in un pub per mangiare una cosa prima della serata: il nostro organizzatore infatti Gabriele Albarosa è a cena a Eton con il Provost e l’Headmaster, trattato con tutte le formalità riservate agli ospiti d’onore, insieme agli ufficiali di Stato Maggiore Simonelli Gianluca (Nunziatella 1993-1996 Inghilterra-Andover) e Romano Mauro (Nunziatella 1991-1994 Inghilterra-Andover)… e quindi noi ci si arrangia e così ci raggiungono Albarosa Umberto (Nunziatella 1981-1984 Giordania-Amman) e Giulio Fabrizio (Nunziatella 1984-1987 Inghilterra-Londra).

Dopo circa mezz’ora si son fatte quasi le otto e il pub viene preso d’assalto da ben altri 10 ex allievi:
D’Aniello Filiberto (Nunziatella 1996-1999 Inghilterra-Londra)
Di Luccia Giuseppe (Nunziatella 2002-2005 Inghilterra-Londra)
Forte Alessandro (Nunziatella 2000-2003 Inghilterra-Londra)
Pelliccia Alessandro (Nunziatella 1996-1999 Inghilterra-Londra)
Petrone Raffaele (Nunziatella 1995-1998 Inghilterra-Londra)
Palermo Claudio (Nunziatella 1997-2000 Inghilterra-Londra)
Rullo Antonio (Nunziatella 1991-1994 Inghilterra-Londra)
Selvaggio Vincenzo (Nunziatella 1998-2001 Inghilterra-Londra)
Arpaio Luca (Nunziatella 1985-1988 Inghilterra-Londra)

È ora di andare, a piedi ci rechiamo a Eton che si trova sull’altra sponda del Tamigi rispetto a Windsor, e presto passando sotto un arco a sesto acuto in mattoni rossi ci ritroviamo davanti a un grande prato, con alle spalle la imponente chiesa gotica di Eton e davanti il verde intenso della campagna inglese. Si respira immediatamente quell’atmosfera unica da Harry Potter che solo le scuole inglesi hanno…

Alcuni allievi indossano l’abito con le code, il frack lo chiameremmo noi, e fanno da uscieri per gli ospiti. Qui nei minuti che precedono la presa di posti ci riuniamo con i nostri cuginetti Martiniani Stefano (Teulie’ 2005-2008 Inghilterra-Cambridge), Parrinello Antonino ( Teulie’ 2004-2007 Inghilterra-Oxford), Siciliano Lorenzo (Teulie’ 2004-2007 Inghilterra-Londra) e Flacco Raffaele (Morosini 1993-1996 Inghilterra-Londra).

ExGruppoEtonBG

Da sx: R.Petrone, V.Stingo, A.Rullo, L.Arpaio, R.Chiarato, U.Albarosa, L.Siciliano, V.Selvaggio, N.Parrinello, C.Palermo, F.Norante, A.Forte, A.Pelliccia, G.Di Luccia, F.D’Aniello, F.Giulio, R.Flacco.

È ora di prendere posto: tutti gli ex Allievi Nunziatella e loro ospiti somo seduti in prima fila e nelle file centrali, come se fossimo delle autorità.

ExSeduti PetroneUAlbarosa

F.Norante, A.Pelliccia, R.Petrone, A.Rullo.  Un primo piano di R.Petrone e U.Albarosa.

Inizia la Rivista, che la parte che precede il Tattoo vero e proprio:

<< “Signore e Signori, questa sera segna un momento storico nella vicenda dell’Eton College CCF. Durante gli ultimi due anni abbiamo lavorato ad un programma di scambio tra noi e la più antica scuola militare italiana, la Scuola Militare Nunziatella. La Scuola è stata fondata nel 1787 ed è gestita dall’Esercito Italiano al fine di fornire educazione scolastica di primissimo livello ed addestramento militare per allievi ed allieve tra i 16 ed i 18 anni. [Gli allievi della SMN marciano in prima fila] Questa sera diamo in particolare il benvenuto a cinque degli allievi: Allievo Capo Scelto Roberta COLAPIETRO, Allievo Scelto Simone LIGUORI, Allievo Francesco Saverio DELLA CORTE, Allievo Manuel DEL PIANO, ed Allievo Guglielmo BRANCATO. Diamo il benvenuto anche al loro comandante di compagnia: Capitano Bartolomeo TESCIONE Accogliamo inoltre tra il pubblico molti Ex-Allievi della Scuola Militare e le loro famiglie, convenuti qui per supportare la generazione più giovane dei loro allievi. L’Allievo Capo Scelto Roberta COLAPIETRO, il capo corso della Scuola Militare saluterà ora l’Ufficiale comandante sul campo. Quindi il Comandante della Guardia chiederà il permesso di condurre la Guardia d’Onore. Signore e signori, vi preghiamo di alzarvi mentre le bandiere sono portate in parata. >>

…Così recita lo speaker (traduzione sopra di Nando Scala 1984-1987) e vedere gli Allievi e l’Allieva Capo Scelto in prima fila è un’emozione non da poco.

AllieviInArrivo

Entrano gli Allievi della Nunziatella.


Gli Allievi e la Guardia d’Onore si ritirano dopo il saluto alla massima Autorità.

Il saggio, le esecuzioni musicali, il dressage con i cavalli con tanto di musica di Wagner e poi la carica finale sulle note di 1812 di Tchaikovskij sono meravigliose come pure il suono delle cornamuse e le esercitazioni e simulazioni armate, vi è persino un momento goliardico quando due allievi si fingono una coppia di parenti snob in ritardo e arrivano sul pratone sgommando con un 4×4 e poi vengono rapiti da un commando su due jeep battente bandiera pirata (che a un occhio poco a fuoco potevano sembrare bandiere dell’Isis… ), il tutto condito da quell’humour sottile tutto british, come del resto la bandiera pirata e un giovanotto vestito da donna che sono elementi senza i quali per gli inglesi non è altrimenti un vero show…

https://youtu.be/ER5-DBbfXdQ
Un momento dell’assalto simulato dove Cadetti e Allievi hanno sparato (a salve).

Cala il sole e con esso anche le temperature e come se non bastasse si leva anche quel venticello che gli etoniani chiamano ‘gianna’, cominciamo a soffrire ma lo spettacolo che dura fin quasi alle 23 è meraviglioso: si marcia, si canta l’inno “God Save the Queen”, viene proiettato un video sulla Regina dove per un attimo si scorge anche un fotogramma con il Colonnello Wilcockson alla Nunziatella insieme al Comandante della Scuola. E poi i nostri ragazzi ricevono come omaggio dal Comandante britannico la pinta di silver, insomma show premi e cotillon e i sorrisi soddisfatti dei ragazzi sono lo spettacolo migliore.

Dalle note dello speaker (traduzione Nando Scala 1984-1987):

<<

A questo punto della serata, Signore e Signori, l’Ufficiale comandante sul campo condurrà le nostre tre esibizioni annuali. Ma questa sera è speciale perché gli allievi ufficiali della Scuola Militare hanno potuto partecipare al CCF Tattoo nell’ambito del nostro programma di scambio. Per ricordare l’occasione, vorremmo offrire dei doni ai loro 5 allievi.

Signore e Signori, per favore salutate gli allievi COLAPIETRO, LIGUORI, DELLA CORTE, DEL PIANO, e BRANCATO.

[Gli Allievi della SMN marciano verso il palco e ricevono in dono dei boccali istoriati con lo stemma della Eton CCF]

>>

Premiazione

Premiazione di Allievi Nunziatella e Cadetti britannici.

Con i fuochi d’artificio si conclude la serata e finalmente possiamo recarci al chiuso per un brindisi, gentilmente invitati dal Colonnello Wilcockson: qui il nostro pronuncia una frase breve ma che ci rende pieni d’orgoglio ripagandoci di tutti i piccoli sforzi fatti per venire fin qui: brinda alla comunità degli ex-Allievi, importante in Italia e nel Mondo. Wow! …Parole dette schiettamente e senza retorica da uno che ci ha visto due volte, e che da dieci anni lavora nella Scuola più lobbista del mondo.

Wilcockson

Il Col. Wilcockson

Questo per la verità è un piccolo miracolo che dobbiamo riconoscere a Gabriele Albarosa e al Generale Stefano Mannino (paracadutista Addetto Militare non ex-Allievo), alla loro tenacia e alla capacità di saper coinvolgere tutti. Questa è leadership, questa è Nunziatella.

GroupExCrest

Ex-Allievi con ufficiali inquadratori della Cadet Force.  Notate il crest sullo sfondo. Gli ex-Allievi da sx: A. Rullo, V.Stingo, G.Albarosa, U.Albarosa, M.Bernardi, G.Di Luccia.

Il brindisi dura poco, gli allievi devono rientrare, non prima di aver ricevuto ulteriori elogi per la loro preparazione. E questo valga per i tanti dinosauri che costantemente levano geremiadi contro il ‘livello’ della scuola quando non si sono mai allontanati in vita loro dalla provincia di Caserta o di Salerno… Gli Allievi della Nunziatella tengono oggi più che mai alto il nome della Scuola e dell’Italia! Insieme a Gabriele scambiamo due parole col Capitano Tescione che con il suo sguardo da ufficiale buono ci dice ‘non scordatela mai la Nunziatella ha bisogno degli ex-Allievi!’. E ce lo siamo fatto dire da un altro non ex-Allievo.

Ce ne andiamo col cuore gonfio di orgoglio e la voglia di fare semore di più, nonostante gli apocalittici e gli integrati, ci sono ex allievi nella perfida Albione che non smetto o di smuovere le cose, dopotutto anche il Risorgimento e la carboneria sono iniziati da qui e forse sará la Sezione ‘Carbonari’ Estero ‘Giuseppe Mazzini’ a dare una scossa a tutta la baracca…

UGAlbarosaStingoPaull

Il S.Ten. J.Paull, G.Albarosa, U.Albarosa, V.Stingo sotto il crest della Nunziatella.

Vi lascio con una riflessione, un riempitivo che era stato preparato per esser letto durante il Tattoo, se sostituite le parole ‘Combined Cadet Force’ e ci mettete Nunziatella sembrerebbe scritto apposta!

<< Lo scopo della Combined Cadet Force è di promuovere disciplina ed organizzazione all’interno della Scuola in maniera tale che i ragazzi possano sviluppare qualità di leadership attraverso un addestramento atto a sviluppare qualità di responsabilità, indipendenza, intraprendenza, resistenza e perseveranza, e un’attitudine al Servizio per la comunità. Siamo fermamente convinti che la disciplina richiesta in una vita di Servizio è un ingrediente essenziale per affermarsi nella vita civile della Nazione di oggi. La funzione specifica dell’addestramento al Servizio in seno alla Cadet Force è di offrire un’opportunità ai giovani di coltivare responsabilità e leadership, di mostrare la necessità e il modo di operare delle Forze Armate, di prendere in considerazione una carriera militare permanente o nella Riserva. Nonostante gran parte della formazione dei Cadetti sia focalizzata nell’acquisizione di conoscenze e tecniche specifiche, i ragazzi sono immersi in un modello formativo orientato allo sviluppo personale. Le basi di questo sviluppo personale sono Etica e Valori come il Coraggio, la Disciplina, il Rispetto, l’Integrità, la Lealtà, l’impegno disinteressato, la Giustizia, il Servizio, l’Orgoglio, l’Eccellenza. >>

Floreat Etona, Floreat Nunziatella!

Bernardi Mario ( Nunziatella 1995-1998 ) Inghilterra-Chester

 

exAllieviCCF

Da sx: Lt.J.Paull, Col.Wilcockson, R.Flacco, G.Simonelli, U.Albarosa, V.Stingo, Cap.Tescione, S.Martiniani, G.Albarosa, L.Arpaio, L.Siciliano, C.Palermo, N.Parrinello, R.Colapietro, F.Giulio, F. Norante, A.Rullo, A.Forte, A.Pelliccia, R.Chiarato, M.Romano, F.S.Della Corte, G.Di Luccia, F.D’Aniello, G.Brancato, V.Selvaggio, M.Bernardi, S.Liguori, R.Petrone.

Leaflet1 Leaflet2 Leaflet3 Leaflet4

Il volantino con il programma della cerimonia.  Al fondo della quarta pagina gli Allievi della Nunziatella.

https://youtu.be/ER5-DBbfXdQ
Il lamento della cornamusa chiude la cerimonia.

Candidature aperte, sino al 23 giugno, per le elezioni del Consiglio!

candidato-politico-al-podio-15611564Caro Ex Allievo ed amico,

 

dopo due anni di gestazione, la Sezione Estero dell’Associazione Nazionale Ex Allievi Nunziatella è pronta ad eleggere il suo primo Consiglio. Data la sua peculiarità, la Segreteria dell’Associazione a Napoli si è gentilmente offerta di fare le veci della commissione elettorale per le elezioni del prossimo consiglio. Le elezioni si terranno – via email – entro i primi di Luglio, ulteriori istruzioni seguiranno.

Sino a oggi, 9 ex allievi hanno espresso il desiderio di candidarsi, di seguito i loro nominativi:

 

  1. Gabriele Albarosa, corso 84/87, residente a Londra, Regno Unito
  2. Riccardo Alfieri, corso 04/07, residente a Washington, Stati Uniti (candidato under 31)
  3. Ugo Celestino, corso 84/87, residente a Bruxelles, Belgio
  4. Francesco Norante, corso 84/87, residente a St. Nicholas at Wade, Regno Unito
  5. Alessandro Pelliccia, corso 96/99, residente a Londra, Regno Unito
  6. Sergio Piazzi, corso 73/76, residente a Ginevra, Svizzera
  7. Celestino Picillo, corso 87/90, residente a Swampscott, Stati Uniti
  8. Gianluca Trezza, corso 89/92, residente a Singapore
  9. Carlo Volpe, corso 94/97, residente a Mosonmagyarovar, Ungheria

 

Abbiamo già la bozza del regolamento della Sezione Estero che sarà approvata in via definitiva dall’Assemblea dei soci dopo le elezioni.

Infine, dato il numero esiguo, ma promettente, di Ex Allievi al momento regolarmente iscritti, si è pensato di utilizzare una formula ristretta per il primo Consiglio di Sezione Estero: 1 Presidente, 1 Vice Presidente, 1 Segretario e 4 Consiglieri (responsabili per aree geografiche).[1] Si ci candida come membro del Consiglio della Sezione Estero. Gli eletti, durante la prima seduta/skype call post-elezione, definiranno le rispettive cariche.

Al fine di procedere con le elezioni diamoci un termine per permettere a tutti gli Ex Allievi che si vogliano candidare di poterlo fare, quindi ti prego di comunicare al mio indirizzo personale conogiardullo [at] gmail.com la tua candidatura al Consiglio della Sezione estero entro il 23 giugno 2016. Procederemo poi a stilare la lista dei candidati e a diffonderla.

Ancora non sei sicuro di poter votare, o di esser eleggibile per una delle cariche? Allora fai un ultimo controllo: http://smnblog.org/smnestero/elezioni-sezione-estero-verifica-dati/

Oppure vuoi informarti sulle nostre prime iniziative, leggi qui:

————

[1] dal regolamento Sezione Estero :

Art. 6  – Il Consiglio di Sezione

[…] 2. E’ composto da 10 (dieci) membri eletti dai Soci, tra i quali almeno uno di età inferiore a 31 anni. Elegge al proprio interno il Presidente, il Segretario, il Tesoriere e i sette Referenti geografici. 3. Al Consiglio di Sezione compete la gestione ordinaria dell’attività. Si riunisce in via ordinaria almeno due volte l’anno.

Articolo 11 – Cariche Sociali

[…] Le cariche sociali hanno la durata di quattro anni e non sono cumulabili tra loro né con le cariche dell’Associazione Nazionale. Le cariche sono gratuite.

Elezioni Sezione Estero: verifica dati

Elezioni Sezione Estero: verifica dati


La Sezione Estero ex-Allievi Nunziatella, dopo due anni di gestazione, è finalmente pronta a partire.

Perché due anni? Perché gran parte di noi era socio moroso (“chi può votare, chi può essere votato, come si rientra in associazione e come si paga?” Tutte le info qui).

Due anni di ‘purgatorio’, ma strapieni di attività, idee, iniziative – buona parte delle quali documentate in questo blog.

Le elezioni si terranno – via email – entro i primi di Luglio. Questo annuncio è un ultimo passo di verifica (vedi lista a fondo pagina), in maniera da permettere:

1- agli ex-Allievi classificati come “esteri” di confermare l’esattezza della loro residenza (stato e città);

2- agli ex-Allievi residenti all’Estero non in lista di segnalarsi;

3- agli ex-Allievi mai iscritti o soci morosi di prendere in considerazione, anche alla luce delle tante iniziative già svolte e delle altrettante in fase progettuale, il loro rientro in Associazione;

4- agli ex-Allievi che vogliono essere rimossi dalla lista fino a eventuale nuova comunicazione da parte loro, di farcelo sapere.

Preghiamo tutti gli ex-Allievi con connessioni estere di divulgare questo post e comunicare QUAM PRIMUM aggiunte e correzioni CERTE (idealmente dai diretti interessati piuttosto che da portavoce) a Gabriele Albarosa 1984-87 (galbarosa@yahoo.co.uk) che sarà felice di fornire eventuali ulteriori delucidazioni.

NOTA BENE
– dei 100 nomi nella lista sotto, solo un quarto al momento possono votare/sono eleggibili a norma di Statuto;
– non male come percentuale iniziale, ma sarebbe bello vedere gli sforzi fatti sinora ulteriormente ripagati da maggiori adesioni;
– dei 70 EUR di quota annuale, 30 vengono messi in conto alla Sezione per favorire la promozione di iniziative.


LISTA EX ESTERO
Acampora Ettore (1998-2001) Stati Uniti-Ithaca
Albarosa Gabriele (1984-1987) Inghilterra-Londra
Albarosa Stefano (1983-1986) Ungheria-Budapest
Albarosa Umberto (1981-1984) Giordania-Amman
Alfieri Riccardo (2004-2007) Stati Uniti-Washington
Arpaio Luca (1985-1988) Inghilterra-Londra
Asaro Francesco (2003-2006) Inghilterra-Londra
Ascione Lorenzo (1995-1998) Inghilterra-Londra
Avallone Francesco (2003-2006) Olanda-Delft
Bartone Francesco (1960-1962) Francia-Mareil Marly
Bellassai Fulvio (1981-1984) Francia-Parigi
Benintendi Renato (1973-1976) Inghilterra-Woking
Bernardi Mario (1995-1998) Inghilterra-Chester
Bevilacqua Vincenzo (1994-1997) Germania-Ditzingen
Bracco Mario (1972-1976) Malta-St Julians
Bruno Luigi (1978-1981) Belgio-Bruxelles
Calabrese Andrea (2000-2003) Inghilterra-Londra
Calzi Federico (1994-1997) Stati Uniti-
Capone Francesco (1974-1978) Angola-Luanda
Capone Luca (1992-1995) Afghanistan-Kabul
Caradonna Emiliano (1991-1994) Monaco-Monaco
Carleschi Giovanni (1992-1995) Inghilterra-Londra
Cascone Ivan (1998-2001) Canada-Vancouver
Castiglia Claudio (1994-1997) Stati Uniti-Tampa
Celestino Ugo (1984-1987) Belgio-Bruxelles
Chiarato Riccardo (1996-1999) Inghilterra-Londra
Chionsini Gaetano (1987-1988) Inghilterra-Londra
Civitillo Federico (2001-2004) Spagna-Barcelona
Coccia Stefano (1994-1997) Svizzera-Olten
Collini Davide (1995-1998) Inghilterra-Londra
Conte Alfredo (1996-1999) Turchia-Izmir
Corsale Andrea (1995-1998) Inghilterra-Londra
Costanzo Gaetano Giorgio (2004-2007) Lussemburgo-Lussemburgo
Cuoco Elia (1994-1997) Francia-Tolone
D’Ambrosio Michele (1978-1981) Svizzera-St-Blaise
D’Aniello Filiberto (1996-1999) Inghilterra-Londra
D’Anna Daniele (2001-2004) Malta-St. Julians
De Bernardini Sandro (1992-1995) Inghilterra-Londra
De Magistris Pino (1986-1989) Stati Uniti-New York
De Simone Mario Emanuele (2003-2006) Inghilterra-Bath
Di Luccia Giuseppe (2002-2005) Inghilterra-Londra
Di Mauro Eduardo (2002-2005) Canada-Montr_al
Fallace Mario Giuseppe (2002-2005) Inghilterra-Norwich
Fazio Ettore (2005-2008) Spagna-Madrid
Ferrazzani Marco (1975-1978) Francia-Parigi
Fierro Paolo (2000-2003) Francia-Boulogne Billancourt
Forte Alessandro (2000-2003) Inghilterra-Londra
Galante Giulio (1988-1991) Colombia-Bucaramanga
Giardullo Cono (2002-2005) Ucraina-Kramatorsk
Giulio Fabrizio (1984-1987) Inghilterra-Londra
Gloria Andrea (1992-1995) Germania-Oberammergau
Ianniello Davide (2002-2005) Germania-Francoforte
Le Pera Alessandro (1988-1991) Francia-Parigi
Luongo Emiliano (1991-1994) Belgio-Mons
Manuali Corrado (1985-1988) Stati Uniti-Douglaston, NY
Marini Garavini Piero (1955-1958) Brasile-San Paolo
Marino Giovanni (1994-1997) Germania-Monaco
Mascia Giuseppe (1997-2000) Inghilterra-Londra
Mazzone Valerio G (2000-2003) Filippine-Manila
Meli Antonio (1999-2002) Inghilterra-Londra
Milione Ciro (1994-1997) Spagna-
Modugno Vito (1997-2000) Svizzera-Ruschlikon
Montalto Antimo (1988-1991) TURCHIA-ISTANBUL
Mosella Pasquale (2003-2006) Inghilterra-Londra
Napoli Lorenzo (1988-1991) Qatar-Doha
Nencha Alberto (1977-1980) Emirati Arabi Uniti-Dubai
Norante Francesco (1984-1987) Inghilterra-St. Nicholas at Wade
Orlando Andrea (1995-1998) Danimarca-Copenhagen
Palermo Claudio (1997-2000) Inghilterra-Londra
Pelliccia Alessandro (1996-1999) Inghilterra-Londra
Perriccioli Marco (1995-1998) Inghilterra-Londra
Petrella Ivan (1998-2001) Inghilterra-Londra
Petrone Raffaele (1995-1998) Inghilterra-Londra
Piazzi Sergio (1973-1976) Svizzera-Ginevra
Picillo Celestino (1987-1990) USA-Swampscott
Pirastu Roberto (1993-1996) Emirati Arabi Uniti-Dubai
Puppatti Alessandro (1994-1997) Germania-Monaco
Rapone Clemente (2011-2014) Spagna-Barcellona
Romano Giorgio (1958-1962) Spagna-Barcellona
Romano Mauro (1991-1994) Inghilterra-Londra
Rossi Maurizio (1981-1984) Emirati Arabi Uniti-Dubai
Rullo Antonio (1991-1994) Inghilterra-Londra
Santagata Eugenio (1989-1992) Emirati Arabi Uniti-Abu Dhabi
Scafarto Nicola (1988-1991) Lussemburgo-Lussemburgo
Selvaggio Vincenzo (1998-2001) Inghilterra-Londra
Simonelli Gianluca (1993-1996) Inghilterra-Londra
Stango Antonio (1973-1976) Italia-Roma –> Parigi
Stingo Vittorio (1991-1994) Stati Uniti-Virginia Beach
Supino di Lorenzo Albino (1996-1999) Stati Uniti-Fort Lauderdale
Tortorella Giosu_ (1991-1994) Belgio-Bruxelles
Tosini Luciano (1953-1957) Francia-Biarritz
Trezza Gianluca (1989-1992) Singapore-Singapore
Troncone Enzo Piermichele (1998-2001) Kazakistan-Aktau
Tzevelecos Wassilis (2004-2007) Belgio-Bruxelles
Ungaro Raffaele (1990-1993) Kazakistan-Astana
Unterthiner Rudi (1953-1957) Stati Uniti-Santa Barbara (CA)
Volpe Carlo (1994-1997) Ungheria-Mosonmagyarovar
Zecchettin Ermanno (1947-1950) Ecuador-Galapagos
Zingrillo Davide Giuseppe (2010-2013) Svizzera-Lugano

Raffaele Petrone (95/98) diventa Freeman of the City of London

IMG_0899

Giovedì 19 Maggio 2016, il nostro ex-Allievo Raffaele Petrone (95/98) ha ricevuto il “Freedom of the City of London” (paragonabile alla cittadinanza onoraria). La solenne cerimonia si è svolta alla presenza di parenti e amici presso la Chamberlain’s Court Room della Guildhall di Londra, una volta sede del municipio e oggi palazzo cerimoniale e amministrativo della City of London.

Il Freedom of the City of London, che rappresenta idealmente le chiave della Città, è uno dei più antichi riconoscimenti inglesi e nasce nel 1237 per concedere a meritevoli personaggi privilegi di carattere pratico, diritti e immunità. La preziosa pergamena, conservata in uno scrigno, veniva esibita dal portatore per riscuotere i benefici che essa garantiva. Oggi quest’onorificenza ha un valore simbolico e chi ne viene insignito lega il suo nome a quello della città di Londra e s’impegna a mantenere rapporti costruttivi e forieri di sviluppo.

IMG_0941

Tra coloro che l’hanno ricevuta spiccano nomi di personaggi storici come Winston Churchill e il Duca di Wellington, o quelli della società contemporanea internazionale come Nelson Mandela, Margaret Thatcher, Bill Gates, Lee Kuan Yew; tra le fila dei “Freemen italiani” ritroviamo Giuseppe Garibaldi e Luciano Pavarotti.

                 IMG_0938               IMG_1868

La singolare combinazione tra la moderna cornice cittadina e l’antica tradizione del cerimoniale diretto dal beadle in abito storico, ha creato un’atmosfera emozionante, culminante nel momento in cui il Ciambellano ha invitato Raffaele a leggere forte a chiaro la “Dichiarazione del Freeman” della Città di Londra:

IMG_1830

I Raffaele Petrone do solemnly declare that I will be good and true to Her Majesty Queen Elizabeth the Second; that I will be obedient to the Mayor of this City; that I will maintain the Franchises and Customs thereof, and will keep this City harmless, in that which in me is; that I will also keep the Queen’s Peace in my own person; that I will know no Gatherings nor Conspiracies made against the Queen’s Peace, but I will warn the Mayor thereof, or hinder it to my power; and that all these points and articles I will well and truly keep, according to the Laws and Customs of this City, to my power.”

Dopo aver apposto la firma nel registro dei Freeman, il Ciambellano gli ha teso la mano destra come segno di associazione e lo ha dichiarato cittadino di Londra, consegnandogli la preziosa pergamena e un codice di condotta – “Rules for the Conduct of Life”.
IMG_0928

Raffaele rappresenta uno dei numerosi esempi che dimostrano che la Scuola Militare Nunziatella ancora oggi, in tempi di rapide evoluzioni e crisi, continua ad adempiere in pieno e con eccellenti risultati al suo mandato “Preparo alla vita e alle armi”:

Trentasei anni, diplomato presso l’Harvard Business School di Boston, doppia laurea in ingegneria al Politecnico di Torino e all’Ecole Centrale di Lione, studi alla London School of Economics e maturità scientifica conseguita presso la Scuola Militare Nunziatella.

Nel 2004, ha cominciato la sua carriera professionale in finanza dapprima a Parigi e dopo cinque anni si è trasferito a Ginevra per occupare la posizione di direttore degli investimenti europei di un gruppo d’investimento. Nell’ottobre 2015 fonda a Ginevra la sua società d’investimento e recentemente si è trasferito a Londra per assistere un primario fondo d’investimento europeo. E’ stato consigliere di amministrazione di diverse aziende europee e membro del comitato consultivo di fondi di private equity in Europa.

IMG_0974

 

Sono davvero onorato e orgoglioso, soprattutto da cittadino non britannico, di essere stato insignito del titolo di “Uomo Libero della Città di Londra”. Riconoscimento che rappresenta per me una pietra miliare del forte legame personale e professionale che ho sempre avuto con questa città fin dalla mia giovinezza e vita da studente e dove ho deciso di trasferirmi un paio di mesi fa.” Ha dichiarato il nostro manager.

 

IMG_1840

Raffaele ha poi aggiunto: “La Nunziatella sicuramente ha avuto un ruolo essenziale nella mia formazione. Lì ci sono stati inculcati valori forti di onestà, sacrificio, fratellanza e appartenenza che purtroppo sono molto rari da ritrovare nella società moderna una volta usciti dal Rosso Maniero.

Per non dimenticare le capacità di leadership che si esercitano durante i tre anni. Resta forte il ricordo di quando due anni fa, mentre studiavo alla Harvard Business School, la storia di un nostro “squaglio” fu selezionata come esempio di leadership e mi fu chiesto di raccontarla davanti a tutto il corso.

Educato al motto di “Essere più che Sembrare”, sono dell’idea che riconoscimenti e titoli non fanno la persona, mentre i valori e la responsabilità sì! E sono sicuro che nella nostra famiglia ci sono tanti ex che seguendo quotidianamente questo motto danno molto più valore alla nostra amata Scuola.”

Nunziatella e Eton: gemellaggio di giganti

Nunziatella e Eton: gemellaggio di giganti

La più antica Scuola Militare italiana e la componente militare del college inglese più noto al mondo danno il via ad un programma di scambio internazionale a favore dei propri cadetti.
Sono state giornate storiche quelle tra il 5 ed il 7 maggio 2016, in cui si è concretizzato il lungo lavoro di avvicinamento tra i due istituti di formazione.
 
La Nunziatella, fondata il 18 Novembre 1787 a Napoli, è la più antica Scuola Militare al mondo tra quelle attive senza soluzione di continuità. Durante i suoi 229 anni, ha accolto tra i suoi allievi nomi di prestigio quali il re Vittorio Emanuele III, il principe Amedeo d’Aosta, Enrico Cosenz, Carlo Pisacane, Mariano d’Ayala, Ettore Gallo, Ettore Pancini, Rolando Mosca Moschini, Arturo Parisi.
 
La Combined Cadet Force (CCF) è la componente a vocazione militare dell’Eton College, fondato nel 1440 come scuola preparatoria alle Università di Oxford e Cambridge. Eton ha prodotto ben 17 primi ministri tra i quali quello attuale, David Cameron. Tra i suoi allievi più recenti conta il principe William, erede alla corona d’Inghilterra, e suo fratello Harry.
 
L’avvio formale delle relazioni tra le due istituzioni è stato sancito dalla visita a Napoli del Tenente Colonnello Michael Wilcockson, Comandante della Eton CCF. Quest’ultimo, insieme alla moglie Alison, è stato ospite del Comandante della Nunziatella Colonnello Valentino Scotillo alla cerimonia del “Mak P 100” del 226° Corso. La visita ha avuto il suo momento culminante durante la cerimonia militare di “Consegna della Stecca”, che sancisce il passaggio di consegne tra gli allievi del terzo e del secondo anno della Nunziatella. Durante la cerimonia, il Comandante Wilcockson ha pronunciato parole di forte ammirazione nei confronti della scuola di Pizzofalcone, ponendo l’accento sulle tradizioni, radicate nei secoli, delle due Istituzioni, e sui valori comuni di Coraggio, Lealtà, Spirito di Servizio. Una curiosità: lo stemma di entrambe le scuole contiene l’immagine del giglio (“fleur-de-lys”).
 
La visita del Colonnello Wilcockson ha visto anche un incontro il Sindaco Luigi De Magistris presso il Municipio della città di Napoli.  Il Sindaco ha pronunciato parole di auspicio per il successo di questa iniziativa, osservando che essa ben si colloca nelle prospettive di sviluppo della Nunziatella in una scuola di respiro Europeo.
 
Entusiastico il supporto dell’Associazione ex-Allievi Nunziatella, guidata dal Presidente Sandro Ortis e rappresentata da un folto numero di ex-Allievi che hanno organizzato occasioni conviviali e turistiche affinché la coppia inglese potesse apprezzare al meglio le ricchezze gastronomiche e culturali partenopee.  Il Presidente Onorario Giuseppe Catenacci ha offerto numerose pubblicazioni utili a meglio comprendere lo spessore storico dei luoghi visitati.  
 
Il prossimo passo della collaborazione tra le due Scuole prevede, entro la fine di Maggio, l’invio di quattro Allievi ed un Ufficiale della Nunziatella al Collegio di Eton per una settimana intensa di attività di scambio che vedrà, tra l’altro, i giovani ospiti italiani partecipare al “Tattoo” (saggio militare) di fine corso dei cadetti inglesi di fronte a genitori e autorità britanniche.  Una prima occasione di crescita per entrambi gli istituti, che il colonnello Wilcockson ha ben esemplificato con la frase, mutuata dal motto di Eton, “Floreat Etona, floreat Nunziatella” – che Eton e la Nunziatella possano fiorire, da oggi insieme.

 

Di seguito la versione originale e tradotta del discorso pronunciato dal comandante Wilcockson nel cortile Vittorio Veneto della Nunziatella in occasione della cerimonia militare del Mak P 100 Venerdì 6 Maggio 2016:

 

(ENG)
Commandant, officers and cadets,
First may I thank you for inviting me to your parade and for your excellent drill and display of military skills. Secondly, it is my very pleasure to be here to mark the special relationship between our two great institutions. We share a great deal in common: we both have a long history; we both share the same values of committment, honour, courage and loyalty; we both aim for excellence in learning and endeavour. I would like to present you, Commandant, a small token of our new realtionship. It is our battaillon badge. On it you will see that like SMN we also have the symbol of the fleur-de-lys. Round the edge it says in Latin, “Floreat Etona” – may Eton flourish. May I also add, today, “Floreat Nunziatella”, may Nunziatella fluorish. May we both fluorish in our work and friendship together.

 

(ITA)
Comandante, ufficiali e cadetti,
vorrei in primo luogo ringraziarvi per avermi invitato alla vostra parata e per l’eccellente addestramento e dimostrazione di capacità militari.
In secondo luogo, è un grandissimo piacere per me essere qui per rimarcare la speciale relazione tra le nostre due grandi istituzioni. Abbiamo moltissimo in comune: entrambi abbiamo una lunga storia; entrambi condividiamo i valori di impegno, onore, coraggio e lealtà; entrambi tendiamo all’eccellenza nell’imparare e nell’impegnarci. Vorrei offrirle, Comandante, un piccolo segno della nostra nuova relazione. E’ lo stemma del nostro battaglione. Su di esso vedrà che, come su quello della SMN, anche noi abbiamo il simbolo del fleur-de-lys. Intorno al bordo c’è scritto in latino “Floreat Etona”- possa Eton fiorire. Vorrei aggiungere oggi “Floreat Nunziatella”, possa la Nunziatella fiorire. Che entrambi possiamo fiorire insieme, nel lavoro e in amicizia.

 

 

Video GalaXia Delta II – Londra, Cutty Sark

Video GalaXia Delta II – Londra, Cutty Sark

Per certe cose bisogna lasciare passare un po’ di tempo.

Su GalaXia Delta II abbiamo scritto molto, a suo tempo, in questo blog (vedi tutti i post).

Ora, finalmente, il video dell’evento, per il quale va un caloroso ringraziamento a mia Mamma, Francesca Albarosa, instancabile reporter e madre di tre ex-Allievi (Umberto 81-84, Stefano 83-86 ed io 84-87).

Ho spezzato il video, che ritrae più di un giorno dell’evento, in una serie di estratti:

LA FESTA AL CUTTY SARK

00:00 – Entrata invitati al Cutty Sark
02:07 – Il Maestro Forlani annuncia il Valzer d’Apertura
05:30 – PRESENTE: commemorazione caduti 197 e 207
07:33 – Preghiera Allievo. Accompagnata da silenzio fuori ordinanza (video originale Mak P 197 Maggio 1987 nel sottofondo)
13:00 – Visita all’interno e sul ponte della splendida nave
15:15 – Cena, il prestigiatore fa trucchi di carte
23:11 – Brindisi 197 – Cappelle ZAK
26:23 – Canto della Pompa
29:38 – La Band comincia la seconda serata con il Pompa Versione Rock!
33:43 – Poesia di Gabriele Albarosa scritta per l’occasione – introdotta da Forlani e recitata dall’autore
37:30 – Canto dell’Addio

IL POMPA VERSIONE ROCK … purtroppo solo uno spezzone di una realizzazione UNICA.

LA BROCHURE DELL’EVENTO spiegata da Francesca Albarosa.

RINNOVO VOTI DI MATRIMONIO di Marcello 84-87 e Roberta Di Maio il giorno prima della festa.

…NEVER MORE!  Il 197 promette di non brindare mai più con bicchieri di plastica!

TANTI AUGURI FEDERICA! La figlia di Paolo Fava 84-87 compie gli anni poco prima del galaXia.

GRAZIE ancora a tutti coloro, dai partecipanti ai fan agli sponsor, che si sono prodigati perché galaXia delta II fosse un evento indimenticabile.

La canzone del Mak π

La canzone del Mak π

 

addiolirycs

 

… Se leggere queste parole aprirà la porta ai ricordi e a qualche emozione, ascoltate questo:

 

Il compositore è Neil Luckett, eccezionale maestro di chitarra classica ed elettrica, residente in Londra.

Neil

Neil ha risposto con entusiasmo alla richiesta di comporre e incidere una versione per chitarra di una delle canzoni a noi più care, e questo è lo stupendo risultato.

Da questa sera figli e nipoti avranno una ninna-nanna che farà addormentare loro e commuovere chi li mette a letto.

Per chi si vuole cimentare, qui lo spartito completo: Canto del Mak P. È un regalo della Sezione Estero a tutti gli Allievi ed ex-Allievi: ENJOY!

Un abbraccio a tutti!

Gabriele Albarosa 84-87

PS: ecco qualche performance “live” pescata da YouTube: 197, 219220, 221222, e pure un’eccentrica versione del Coro Polifonico “Salvo d’Acquisto”

 

 

 

 

 

Trasferta in Albione

Trasferta in Albione

In alto cuori e calici
il posto non fa schifo
ad incontrar l’albionici
ti senti quasi un Ufo

Franca serve l’italici
e noi qui a fare il tifo
per questi quattro amici
uniti in nom del GRIFO!

Hanno bevuto Aglianico
Hanno magnato a sbafo
In un salòn da panico
Più shiny di uno scafo

Son baldanzosi italici
(Non han contratto il tifo)
E per la vita amici
Compadres corso GRIFO!

Or sono vuoti i calici
(Ed il caffè fa schifo)
Son brilli questi albionici
Hanno avvistato un Ufo…

London Christmas Dinner

London Christmas Dinner

Nel 1837, il 20 giugno, saliva al trono la Regina Vittoria, che avrebbe dato il nome a un’epoca.

Nello stesso anno, per offrire agli ufficiali che desideravano iscriversi a un circolo di pari questa possibilità e risultando quelli esistenti già pieni o quasi, si decise di creare un nuovo circolo dell’Esercito, nel luogo che allora ospitava, e ospita ancora in parte, il fiore della vita culturale e sociale del mondo.

Era appunto il 1837, e come direbbe Renato Benintendi “Noi c’eravamo già”, allora Pisacane era un giovane ufficiale borbonico e Guglielmo Pepe era in esilio a Parigi, e lungo Pall Mall avevano sede la Royal Academy e la National Gallery, oltre a numerosi club e tra cui il celebre Athenaeum: proprio di fronte al celebre edificio che reca un fregio con la copia del fregio del Partenone (proprio allora giunti a Londra per opera di Lord Elgin), sorge l’Army & Navy club.

IMG_4408.JPG

Infatti il celebre Duca di Wellington insistette affinché il club fosse aperto anche ai membri della gloriosa Marina Inglese.

Fu frequentato tra gli altri dal Generale Sir Edward Barnes, che aveva combattuto a Waterloo e fu primo president del circolo, l’Ammiraglio Sir Philip Durham, il comandate della HMS Defiance alla battaglia di Trafalgar.

Ma il nome con cui esso è conosciuto si deve non a coloro che lo hanno apprezzato nel corso degli ultimi 175 anni: poco dopo la sua apertura in fatti il capitano William (Billy) Higginson Duff visitando il club disse che era simile a una bisca allora in voga chiamata “The Rag and Famish” che potremmo tradurre come “Lo straccio e il morto di fame” o in Napoletano “A mappina e ‘o muort e famme”.

Billy voleva risultare offensivo, comparando il circolo a una casa da gioco malfamata, e invece “The Rag” divenne il nome con cui ancora oggi è conosciuto.

IMG_4409.JPG

E’ qui lungo Pall Mall che il genio di Sir Conan Doyle, il padre di Sherlok Holmes, ha posto il suo immaginario Diogenes Club, ispirandosi al filosofo cinico, vale la pena una digressione per leggere il gustoso profilo del club e del suo associato.

“There are many men in London, you know, who, some from shyness, some from misanthropy, have no wish for the company of their fellows. Yet they are not averse to comfortable chairs and the latest periodicals. It is for the convenience of these that the Diogenes Club was started, and it now contains the most unsociable and unclubable men in town. No member is permitted to take the least notice of any other one. Save in the Stranger’s Room, no talking is, under any circumstances, allowed, and three offences, if brought to the notice of the committee, render the talker liable to expulsion. My brother was one of the founders, and I have myself found it a very soothing atmosphere.”

Che forse questo sia di ispirazione a quanti fra noi, e sono tanti, hanno delle difficoltà ad accettare i nostri ripetuti inviti… venite che c’è un posto adatto anche a voi! Ma veniamo alla nostra serata.

Sono le 19:30 circa del 12 Dicembre e io Mario Bernardi SMN 95-98 e Gabriele Albarosa SMN 84-87 arriviamo col trenino da Greenwich a Charing Cross: appena svoltate un paio di strade arriviamo a Pall Mall che è un piacere per gli occhi e per lo spirito.

Giungiamo al Club e abbiamo qualche difficoltà nel trovare la cloakroom: un energumeno all’entrata ci dice “in fondo a destra trovate la cloackroom, che è dove si appendono gli abiti” Io e Gabriele ci guardiamo un po’ stupiti: eccerto che sappiamo cos’è la cloakroom. E invece no, non la riusciamo a trovare e manco lo staff sa dove e ritorniamo in portineria, e qui ci spiegano che il guardaroba è nel bagno. Perché Cloakroom in effetti era il bagno, o meglio il gabinetto…. Vedi che è importate conoscere il passato, soprattutto quando si entra nella Storia.

La nostra sala è al primo piano, sono le 19:40 e ci colleghiamo via Skype, grazie a Valerio Cestrone con Napoli e con Herat! Ci salutano da Napoli in primis il Presidente Aldo Carriola 66-70 e Antonio Schiattarella 04-07, e da Herat Giancarlo Sciascia 83-86.

Ma si avvicinano le 20:00 (ora di Greenwich) e arrivano in ordine sparso Umberto Belloni 98-01 Teulié, Dario Capodici Teuliè 04-07 in libera uscita da Hong Kong, Raffaele Flacco 93-96 Morosini, Maria Giovanna D’Orsi figlia di Gianni d’Orsi 74-78 SMN unica eroica donna presente. Fabrizio Giulio 84-87 SMN, Stefano Martiniani 05-08 Teulié, Giuseppe Mascia 97-00 SMN appena giunto anche lui da Hong Kong, Raffaele Origlietti 99-02 Teuliè, Antonino “Ninni” Parrinello o 04-07 Teulié, Vincenzo Selvaggio 98-01 SMN, Lorenzo Siciliano 04-07 Teulié, Canzio Dovigo, a Londra di passaggio da Bucharest, corso 67/71 Scientifico A (roba buona insomma!), Stefano Mannino Addetto Militare a Londra, Col Parà, Francesco Norante 84-87 SMN, Massimo Fedeli 80-83 Morosini, Alessandro Pelliccia 96-99 SMN e Francesco Asaro 03-06 SMN da poco giunti a Londra, e Giuseppe Cirielli 04-07 Teulié, della dinastia dei Cirielli ex allievi.

IMG_4347.JPG

Dopo un aperitivo molto “fighetto” di finger food accompagnato da un buon prosecco è iniziata la cena seduti: ottimo il tortino di pesce accompagnato con il salmone affumicato (che alle cene di natale non manca mai) e poi un filetto delizioso.

La cena scorre velocemente e arriviamo all’ora dei saluti, due ore e mezza volate via in poco tempo, ci trasferiamo da Quaglino’s un elegante bar a pochi metri dal The Rag.

Il posto è ben frequentato e soprattutto i “ragazzi” si elettrizzano data la presenza di molte signore di bell’aspetto, anche un po’ aggressivo, che qui si chiamano cougar.

IMG_4406.JPG

Ed è qui che iniziamo su suggerimento di Lorenzo Siciliano a bere dell’ottimo whisky giapponese Yamazaki.

IMG_4365-0.JPG

La serata continua ed è proprio nel dopocena che si percepisce (favorito dal whisky?) quello spirito transgenerazionale e anche diciamo inter scuole che ci fa sentire tutti compagni si corso, ma che dico di Classe! (Compresi quelli del Classico!)

IMG_4379-0.JPG

Ecco che dopo l’una di notte ci spostiamo al Tiger Tiger, un altro paio di drinks, quattro salti e poi a nanna.

Almeno noi ammogliati perché i ragazzi invece proseguono. Dopotutto a Londra a 25 anni di venerdì sera non puoi andare a letto prima dell’alba.

La serata si conclude gloriosamente, almeno per me e Gabriele, con un sbronza che ci ha stesi per 12 ore.

Il giorno dopo alle 2 pm circa mentre siamo ancora sfasciati Anne, la moglie di Gabriele, ci guarda e dice “ There are things a wife should never have to see”. Solo se avete una moglie inglese potete capire certe cose.

La sera una volta riemerso dai fumi dell’alcool mi rimetto in macchina alla volta di Chester: 390 KM.

Si 390 Km all’andata e altrettanti al ritorno, in effetti ci impiego di meno in aereo ad andare a Roma, eppure lo rifarei oggi stesso: negli anni sono stato a tante cene, pizze, eventi grandi e piccoli.

Questo è stato speciale perché ha tutti gli elementi che una serata fra ex dovrebbe avere: siamo stati a cena in uno dei posti più esclusivi d’Europa, un luogo Istituzionale, Militare e ricco di Storia; abbiamo mangiato bene, abbiamo bevuto ancora meglio e soprattutto ci siamo divertiti come degli adolescenti in Gita.

Ecco a Londra avevamo l’addetto Militare e ci siamo Collegati con Herat, in quel momento NOI eravamo la parte migliore dell’Italia a servizio del Nostro Paese.

E’ questo che la Nunziatella e le Scuole Militari devono essere: un ponte tra il mondo civile e quello militare.

Un grazie ancora a Gabriele che ha dimostrato che è possibile fra sposare le istituzioni con il divertimento, il piacere con il nostro dovere di Italiani all’Estero.

Viva la Nunziatella, Wl’Italia

Buon Natale a tutti.

Mario Bernardi 95/98

IMG_4404.JPG

Per Federico Franzese, il più giovane dei Kaps (1 anno)

Per Federico Franzese, il più giovane dei Kaps (1 anno)

Federico è il figlio di Paolo Piero Franzese 94-97, Ufficiale Pilota corso Zodiaco IV.

Il suo papà era a bordo di uno dei due Tornado che, il 19 agosto 2014, collisero nei cieli di Ascoli Piceno durante una missione di addestramento a bassa quota.

NIENTE potrà colmare l’assenza di questo nostro amico, di un marito così premuroso, e soprattutto di un padre che è, fin da ora, già un eroe per il piccolo Federico.

È POSSIBILE, tuttavia, mostrare vicinanza in modo concreto:


La Fondazione Nunziatella Onlus, in risposta all’iniziativa lanciata dai compagni di corso di Paolo (207), ha messo a disposizione un conto corrente per costituire un fondo, la cui finalità è quella di stipulare un’assicurazione in favore di Federico.

Dettagli per le donazioni (detraibili in quanto la Fondazione è una ONLUS):
Destinatario: Fondazione Nunziatella Onlus
IBAN: IT 65 X 05385 03400 0000 0000 2255
Causale: Fondo Franzese


Chiunque senta vicina questa tragedia potrà dare il suo contributo come se fosse per se stesso, per dare un senso a ciò che nella vita capita senza una spiegazione razionale. Questo piccolo salvadanaio sarà il simbolo di quel ricordo, di quell’immagine che Paolo ha lasciato in ognuno di noi, che Federico non ha ancora, ma che vogliamo contribuire a formare con la forza della nostra iniziativa.

“CAPITANO PAOLO FRANZESE: PRESENTE!!!”